IL MASSAGGIO AYURVEDICO IN GRAVIDANZA

In India, da millenni, il massaggio in gravidanza è parte integrante della vita della donna in tutto il periodo di gravidanza. I benefici fisici, inoltre, comprendono la riduzione dello stress ormonale e di quello fisico legato alla trasformazione del corpo della donna durante la gravidanza. Esso può prevenire, tra l’altro, le smagliature derivanti dalla distensione della pelle, migliorando la sua elasticità attraverso una stimolazione della circolazione sanguigna. Il massaggio in gravidanza non differisce, sostanzialmente, dal massaggio tradizionale ayurvedico, se non fosse per la posizione della donna che dovrà essere da seduta, supina o distesa su un fianco per non influenzare negativamente la posizione del feto nell’utero e per una serie di accortezze mirate a tutelare la salute della madre e del bambino.

Le zone che dovranno essere maggiormente stimolate nel massaggio prenatale sono:

  • la regione addominale
  • la spina dorsale
  • la muscolatura della schiena

La regione addominale, in particolare, dovrà essere solo minimamente sollecitata, senza esercitare pressioni.

TRA I BENEFICI CHE PRODUCE IL MASSAGGIO AYURVEDICO CI SONO:

  1. rilassamento e diminuzione dell’insonnia
  2. sollievo alle articolazioni relativamente al peso che devono sopportare nel corso della gravidanza
  3. sollievo al collo e alla schiena provati dallo squilibrio dei muscoli e dalla relativa debolezza
  4. un aiuto nel mantenere la corretta postura
  5. preparare i muscoli ad essere usati durante il parto
  6. ridurre il gonfiore delle mani e dei piedi
  7. alleviare il dolore del nervo sciatico
  8. alleviare il mal di testa e la congestione del seno